News

05-07-2019

Newsletter n.07 del 05 luglio 2019

Sintesi Bando “Insight 2019 - dall'idea al business model"

Beneficiari

Sono ammessi a presentare domanda le persone fisiche, organizzate in team operativi formati da minimo 2 persone (soggetto proponente), con una proposta relativa ad un’idea imprenditoriale innovativa e in possesso dei seguenti requisiti:
- età superiore a 18 anni al momento della presentazione della domanda;
- residenti nel territorio della regione Sardegna al momento della presentazione della domanda;
- non abbiano avuto protesti per assegni o cambiali negli ultimi cinque anni;
- non siano coinvolti in procedure concorsuali;
- non abbiano riportato condanne penali, anche se non passate in giudicato, per delitti dolosi, sempre che non
- sia intervenuta la riabilitazione;
- non siano sottoposti a misure di prevenzione e di sicurezza;
- non siano interdetti o inabilitati;
- non abbiano procedimenti penali in corso;
- non abbiano già ricevuto, per la stessa idea, contributi o premi di importo superiore a € 4.000,00 da Sardegna
- Ricerche nell’ambito di precedenti programmi finalizzati alla validazione di nuove idee imprenditoriali;
- non posseggano P.IVA personali e/o quote in società e organizzazioni o essere socio/membro di
- associazioni/enti, le cui attività risultano riconducibili o affini all’idea proposta.

Interventi ammissibili

Idea d’impresa con caratteristica di innovatività in termini di originalità del business proposto e novità delle tecnologie utilizzate rispetto allo stato dell’arte e/o alle condizioni di contesto, nonché di capacità di rispondere ai bisogni sociali e ambientali di un territorio, che promuovano il benessere individuale e collettivo, lo sviluppo sociale ed economico dei territori e delle comunità.

Misura dell’agevolazione

Voucher a supporto del processo di validazione dell’idea e delle ipotesi imprenditoriali definite, che attraverso una serie di analisi e test permetta ai proponenti di capire il mercato e i bisogni degli utenti, raccogliendo ed elaborando la maggior quantità di dati possibile per verificare la propria idea di partenza, con il minor dispendio di tempo e risorse. Il Voucher sarà disponibile nel periodo in cui ciascun soggetto beneficiario compie il processo di validazione e sarà specificatamente orientato a sostenere i costi necessari per la verifica delle assunzioni imprenditoriali progressivamente definite, in coerenza con la prototipazione del modello di businesssottostante l’idea imprenditoriale. Il Voucher potrà avere un importo massimo di 10.000,00 euro. Una quota dell’importo del Voucher, sulla base delle prescrizione riportate nei verbali di valutazione della commissione, potrà essere destinata alla partecipazione a percorsi di validazione dell’idea, da realizzarsi presso incubatori o acceleratori di impresa. Tale percorso dovrà sostanziarsi in attività di supporto alla verifica delle ipotesi imprenditoriali e potrà comprendere una o più delle seguenti attività:
• definizione del bisogno rilevato rispetto al target ipotizzato, anche attraverso l’utilizzo di idoneiparametri di misurazione;
• progettazione e test della proposizione di valore;
• differenziazione rispetto alle soluzioni presenti sul mercato di riferimento;
• fattibilità tecnologica della soluzione individuata;
• prototipazione del business model sulla base delle evidenze scaturite dai test precedenti.
Tale percorso dovrà essere preventivamente approvato da Sardegna Ricerche, previa presentazione da parte del team di un’offerta tecnica o preventivo elaborato dalla struttura individuata dal soggetto proponente.
- Attività di supporto e monitoraggio: ciascuna delle idee ammesse verrà supportata da Sardegna Ricerche nel processo di validazione attraverso attività di confronto continuo e monitoraggio lungo l’avanzamento delle attività, al fine di facilitare la migliore riuscita dell’iniziativa.

Decorrenza

E' possibile presentare domanda dalle ore 12:00 del 18.02.2019 alle ore 12.00 del 28/12/2019


Sintesi Bando “Voucher Startup” Incentivi per la competitività delle Startup innovative

Beneficiari

Micro e Piccole Imprese (MPI), così come definite nell’Allegato 1 al Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione europea del 17 giugno 2014 regolarmente costituite come società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano da non più di 36 mesi al momento della presentazione della domanda che si propongono con un piano di avvio caratterizzato da significativi elementi di innovatività.

Interventi ammissibili

Le spese effettuate dovranno rientrare nelle seguenti categorie di costo, ciascuna articolabile in più voci e sottovoci:
- COSTI DI FUNZIONAMENTO;
- COSTI PER INVESTIMENTI MATERIALI E IMMATERIALI (MAX 20% del valore totale del piano);
- COSTI PER PRESTAZIONI DI TERZI4 (MAX 60% del valore totale del piano, ed entro i limiti stabiliti dal “Catalogo dei servizi per le imprese della Sardegna”);
- COSTI DEL PERSONALE TECNICO COINVOLTO NELLO SVILUPPO DEL PIANO;
- ALTRI COSTI CONNESSI ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO.

Misura dell’agevolazione

1. Il piano di utilizzo del voucher potrà avere una dimensione ricompresa tra un minimo di Euro 15.000 e un massimo di Euro 100.000;
2. L’intensità dell’aiuto, che non potrà superare la misura massima del 90% sul totale dei costi del piano di utilizzo del voucher approvato, è determinata dalla portata innovativa dell’iniziativa e dal suo correlato grado di rischio, misurata dal secondo criterio di valutazione, nonché dalla valutazione dei criteri impatto sociale/ambientale, pari opportunità, impatto in termini di ricadute territoriali e rispondenza alle finalità e alle aree di specializzazione individuate nella Strategia regionale di Specializzazione Intelligente (S3).

Decorrenza

Decorrenza dalle ore 12:00 del 28/12/2018 alle ore 12:00 del 27/12/2019


Sintesi “Servizi per l’innovazione nelle MPMI del settore turistico”

Beneficiari

Possono beneficiare degli aiuti le imprese attive (Micro Piccole e Medie imprese), di seguito denominate MPMI, così come definite dall’Allegato I al Reg. (UE) n. 651/2014 la cui attività rientra in uno dei seguenti settori di attività economica di cui alla classificazione ISTAT ATECO 2007:
Sezione I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione, limitatamente alla Divisione 55 - Alloggio ed alle sole sottocategorie: 55.10.00 Alberghi, 55.20.10 Villaggi turistici, 55.30.00 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte; 55.20.20 Ostelli della gioventù.
Sezione N – Noleggio, Agenzie di Viaggio, Servizi di supporto alle imprese, limitatamente alla Divisione 79 – Attività dei servizi delle Agenzie di Viaggio, dei Tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse ed alle sole sottocategorie; 79.12.00 Attività dei tour operator; 79.90.19 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio n.c.a; 79.90.20 Attività delle guide e degli accompagnatori turistici.
Sezione R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento, limitatamente alla Divisione 91 – Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali ed alle sole sottocategorie: 91.02.00 Attività di musei; 91.03.00 Gestione di luoghi e monumenti storici e attrazioni simili; 91.04.00 Attività degli orti botanici, dei giardini zoologici e delle riserve naturali; 93.21.00 Parchi di divertimento e Parchi tematici; 93.29.20 Gestione di stabilimenti balneari: marittimi, lacuali e fluviali.
Le imprese di cui ai codici ATECO 2007 Sezione I, devono avere un numero di posti letto pari a 50 e che possono essere ricondotti alla metà nel caso in cui la struttura rimanga aperta tutto l’anno. Tali dati devono risultare dalla comunicazione inviata al SUAP del comune di ubicazione della struttura.
Le imprese di cui ai codici ATECO 2007 Sezione N devono svolgere attività, prevalentemente rivolta alla gestione degli arrivi in Sardegna (attività di incoming) e dimostrare che il fatturato generato da tale attività sia pari ad almeno il 70% del fatturato complessivo.

Interventi ammissibili

I servizi attivabili all’interno del Piano di innovazione, individuati nel “Catalogo dei servizi per le imprese della Sardegna”, sono i seguenti:
- servizi di sostegno all’innovazione destinati all’introduzione di strumenti ICT: codice B.6;
- servizi di consulenza destinati ad introdurre innovazione organizzativa: codice B.1; B.2; B.4; B.8 (limitatamente al responsabile della comunicazione)
- servizi di consulenza destinati ad introdurre innovazione di mercato: codice C.1; C.2; C.3; C.4; C.5; C.6; C.7

Misura dell’agevolazione

1. L’agevolazione è concessa sotto forma di sovvenzione e l’ammontare dell’aiuto, non può superare le intensità previste dal Reg. (UE) n. 651/2014 ovvero:
• 70% dei costi ammissibili per i servizi di cui all’art 28 del Reg. (UE) n. 651/2014, destinati all’introduzione di strumenti ICT come definiti nel servizio B.6, a condizione che l’importo totale degli aiuti per tali servizi non superi i 200.000 Euro per il Beneficiario su un periodo di tre anni;
• 50% per i costi ammissibili per i servizi di cui all’art.18 (aiuti per servizi di consulenza) e art. 19 (aiuti per partecipazione a fiere) del Reg. (UE) n. 651/2014.
2. Gli aiuti con costi ammissibili individuabili esentati ai sensi del Reg. (UE) 651/2014 possono essere cumulati con altri aiuti di Stato, purché le misure riguardino diversi costi ammissibili individuabili.

Decorrenza

Decorrenza dalle ore 11:00 del 28/03/2018 al 31/12/2020


Sintesi “Servizi per l’innovazione nelle MPMI”

Beneficiari

Possono beneficiare degli aiuti le imprese attive (Micro Piccole e Medie imprese), di seguito denominate MPMI, così come definite dall’Allegato I al Reg. (UE) n. 651/2014 con almeno 2 esercizi finanziari che intendano realizzare un Piano di innovazione nel territorio regionale e la cui attività rientra in uno dei seguenti settori di attività economica di cui alla classificazione ISTAT ATECO 2007:
Sezione C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE E AGROINDUSTRIA
Sezione E – FORNITURA DI ACQUA: RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO
Sezione F – COSTRUZIONI
Sezione J - SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE limitatamente alle seguenti divisioni e sottocategorie: 58 - Attività editoriali, limitatamente alla sottocategoria: 58.11.00 - Edizione di libri; 58.21.00 Edizioni di giochi per computer; 58.29.00 Edizioni di altri software a pacchetto (esclusi giochi per computer); 62.01.00 - Produzione di software non connesso all’edizione; 63.9 Altre attività dei servizi d'informazione.
Sezione M - ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE esclusivamente per la seguente divisione: 72 Ricerca scientifica e sviluppo, limitatamente al seguente gruppo 72.1 Ricerca e sviluppo sperimentale nel campo delle scienze naturali e dell'ingegneria.
Sezione N - NOLEGGIO, AGENZIE DI VIAGGIO, SERVIZI DI SUPPORTO ALLE IMPRESE esclusivamente per le seguenti sottocategorie: 77.21.01 Noleggio di biciclette; 77.21.02 - Noleggio senza equipaggio di imbarcazioni da diporto (inclusi i pedalò) - noleggio di imbarcazioni da diporto senza equipaggio, canoe, barche a vela, gommoni, motoscafi, pedalò, windsurf, acquascooter.
Sezione S - ALTRE ATTIVITÀ DI SERVIZI esclusivamente per la seguente sottocategoria: 96.01.10 Attività delle lavanderie industriali.

Interventi ammissibili

1. Il bando cofinanzia la realizzazione di un Piano di innovazione che deve prevedere lo sviluppo di un nuovo prodotto e/o l’innovazione del processo di produzione. Il Piano è costituito da interventi di consulenza in materia di innovazione e servizi di supporto all’innovazione organizzativa e di mercato.
Le imprese che hanno già realizzato interventi innovativi di prodotto e/o di processo, possono proporre un Piano di innovazione che preveda esclusivamente servizi di consulenza a supporto dell’innovazione organizzativa e/o di mercato coerenti con gli interventi già realizzati e di cui si dovrà dare evidenza nel Piano.
2. L’iniziativa deve descrivere in quali traiettorie tecnologiche di sviluppo, tra quelle proprie di ciascuna area di specializzazione indicate dalla Smart Specialization Strategy, si colloca il Piano di innovazione e i motivi per cui la proposta contribuisce al perseguimento degli obiettivi del POR FESR 2014-2020.
3. I servizi attivabili sono individuati nel “Catalogo dei servizi per le imprese della Sardegna” ed essere finalizzati allo realizzazione di interventi innovativi di prodotto e/o di processo. Il Catalogo dei servizi definisce le tipologie di servizi ammissibili, i massimali di costo dei singoli servizi, i contenuti minimi delle prestazioni, nonché gli indicatori di monitoraggio necessari alla valutazione dei servizi realizzati.
4. I servizi per essere ammissibili, non devono essere continuativi o periodici, né essere connessi alle normali spese di funzionamento dell'impresa, come spese di pubblicità, spese per ordinarie prestazioni rese da studi legali, spese per la consulenza fiscale ordinaria, assistenza contabile o di altro tipo collegata agli adempimenti previsti dalla vigente normativa civilistica, fiscale, ambientale, sanitaria, etc.

Misura dell’agevolazione

1. L’agevolazione è concessa sotto forma di sovvenzione e l’ammontare dell’aiuto, non può superare le intensità previste dal Reg. (UE) n. 651/2014 ovvero:
? fino all’80% dei costi ammissibili per i Servizi di cui all’art. 28 (aiuti per servizi di consulenza in materia di innovazione e servizi di supporto all’innovazione - definiti con il codice A nel Catalogo dei servizi per le imprese della Sardegna), a condizione che l’importo totale degli aiuti per tali servizi non superi i 200.000 Euro per l’impresa beneficiaria su un periodo di tre anni;
? fino al 50% dei costi ammissibili per i Servizi di cui all’art.18 (aiuti per servizi di consulenza) e art. 19 (aiuti per partecipazione a fiere).
2. Gli aiuti con costi ammissibili individuabili esentati ai sensi del Reg. (UE) 651/2014 possono essere cumulati con altri aiuti di Stato, purché le misure riguardino diversi costi ammissibili individuabili.

Decorrenza

Decorrenza dalle ore 11:00 del 28/03/2018 al 31/12/2020.


Sintesi “Microincentivi per l'innovazione”

Beneficiari

Possono presentare la domanda MPMI, che soddisfano i criteri di cui all’Allegato I al Reg. (UE) n. 651/2014.
Gli aiuti possono essere concessi alle imprese di qualsiasi settore ad eccezione di quelle operanti nei settori o attività esclusi dal campo di applicazione del Regolamento (UE) 1407/2013 (pesca e acquacoltura, produzione primaria di prodotti agricoli, aiuti per attività connesse all’esportazione e aiuti subordinati all’impiego di prodotti nazionali).

Interventi ammissibili

La realizzazione di un Progetto che deve essere coerente rispetto alla Smart Specialization Strategy regionale e rientrare nell’ambito delle aree di specializzazione in essa individuate. Il Progetto deve prevedere l’acquisizione di servizi di consulenza esterna per la realizzazione di nuovi prodotti o processi produttivi, oppure per il significativo miglioramento delle caratteristiche e funzioni di prodotti o processi già esistenti. In particolare, i servizi di consulenza possono comprendere, in tutto o in parte, il ciclo di attività necessarie alla messa a punto di un nuovo prodotto o processo, partendo dalla progettazione, alla realizzazione fisica, sino all’attività di caratterizzazione e test. Le attività del Progetto devono essere definite in base ad uno studio di fattibilità già esistente al momento della presentazione della domanda.
Non sono considerate innovazioni di prodotto o di processo, ai fini del presente bando, i prodotti/processi risultanti dal semplice assemblaggio di tecnologie esistenti o dalla combinazione di conoscenze note, in assenza di risultati innovativi. I progetti devono prevedere comunque un’attività diprogettazione e sviluppo originale e i prodotti/processi risultanti devono avere un chiaro e verificabile valore aggiunto rispetto alle tecnologie di riferimento.

Misura dell’agevolazione

L’agevolazione prevista dal bando è concessa sotto forma di sovvenzione, finalizzata alla copertura delle spese ammissibili, con un’intensità pari all’80% del costo complessivo del Progetto.
Il valore massimo degli aiuti è pari a 15.000 euro per domanda.

Decorrenza

La presentazione delle domande potrà avvenire dalle ore 12:00 del 13 maggio 2019 alle ore 12:00 del 31 dicembre 2019


 

Servizi

servizi

HR Consulting Management S.r.l. si occupa di Consulenza strategica e business planning, Controllo di gestione, Finanza agevolata, Ristrutturazione finanziaria, Contabilità  e assistenza amministrativa e fiscale, Consulenza societaria, Consulenza organizzativa, del lavoro e ricerca del personale.

Clicca sulla voce che ti interessa: